best of 1972




UK
Rolling Stones > Exile On Main Street (Rolling Stones)
David Bowie > The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars (RCA)
Yes > Close To The Edge (Atlantic)
John Mayall > Jazz Blues Fusion (Polydor)
Nick Drake > Pink Moon (Island)
Deep Purple > Made In Japan (Purple)
Deep Purple > Machine Head (Purple)
Gentle Giant > Three Friends (Vertigo)
Gentle Giant > Octopus (Vertigo)
Dave Edmunds > Rockpile (Regal)
Sandy Denny (A&M)
Roxy Music (Island)
Strawbs > Grave New World (A&M)


USA
Frank Zappa > The Grand Wazoo (Bizarre)
Neil Young > Harvest (Reprise)
Lou Reed > Transformer (RCA)
Chuck Berry > The London Chuck Berry Session (Chess) 
Randy Newman > Sail Away (Reprise)
J.J. Cale > Really (Shelter)
New York Dolls > New York Dolls (Mercury)
Bette Midler > The Divine Miss M (Atlantic)
Bob Seger > Smokin' O.P.'s (Palladium)
Simon & Garfunkel > Greatest Hits (CBS)
Little Feat > Sailin' Shoes (Warner Bros)
Todd Rundgren > Something / Anything (Bearsville)
Curtis Mayfield > Superfly (RSO)
Jimmy Cliff > The Harder They Come (Island)
Stevie Wonder > Talking Book (Tamla Motown)
Grateful Dead > Europe '72 (Warner Bros)
Big Star > #1 Record (Ardent)
Jerry Garcia > Garcia (Warner Bros)
Stephen Stills > Manassas (Atlantic)
Band > Rock Of Ages (Capitol)
Dr.John > Gumbo (Atco)


Timmy Thomas > Why Can't We Live Together (Glades)

Europa
Neu > Neu! (Brain)
PFM > Storia di un minuto (Numero 1)
Banco del Mutuo Soccorso (Ricordi)
Klaus Schulze > Irrlicht (Ohr)


Ancora i Rolling Stones con il proprio capolavoro, un torrido doppio registrato sulla Costa Azzurra ed ispirato al blues del sud degli States.
David Bowie si impone come il re del Glam Rock con i propri Spiders Of Mars in quella che è una grande scena per il r&r britannico e a cui paga il proprio tributo lo stesso Lou Reed con Transformer, il disco di Walk On The Wild Side e Perfect Day.
È ancora West Coast con Neil Young e Randy Newman, mentre il rock sperimenta il jazz blues di John Mayall ed il progressive di Yes e Gentle Giant ma anche degli italiani PFM e Banco.
New York Dolls e Dave Edmunds disegnano il futuro ma nessuno se ne accorge mentre Simon & Garfunkel sono i più premiati dalle vendite.
Fra i dischi oscuri, le torride cover rock di Bob Seger e il rock crauto di Neu! con Hallogallo.

1 commento:

Simone Cavatorta ha detto...

Mamma mia che annata... pazzesco!!!
Exile, Ziggy Stardust, Harvest, Transformer, Close to the Edge... tutti nello stesso anno!!!
E poi il primo solista di Garcia, che secondo me è un autentico capolavoro, con gemme come Bird Song, Sugaree, To Lay Me Down, Loser... che diventeranno tutti classici live dei Dead.