best of 1988


John Hiatt > Slow Turning (A&M)
Leonard Cohen > I’m Your Man (Columbia)
Traveling Wilburys > Traveling Wilburys (Wilbury Records)
Waterboys > Fisherman’s Blues (Ensign)
Graham Parker > The Mona Lisa’s Sisters (Demon)
Keith Richards > Talk Is Cheap (Virgin)
Neil Young & The Bluenotes > This Note’s For You (Reprise)
Los Lobos > La Pistola y el Corazòn (Slash Warner Bros)
Mitch Ryder > Red Blood White Mink (Line)
Van Morrison > Irish Heartbeat (Mercury)
Steve Earle > Copperhead Road (Uni Records)
Lyle Lovett > Pontiac (MCA Curb)
Cowboy Junkies > The Trinity Session (Latent)
Pogues > If I Should Fall from Grace with God (Island)
U2 > Rattle and Hum (Island)
R.E.M. > Green (Warner Bros)
Nick Cave and the Bad Seeds > Tender Prey (Mute)
Michelle Shocked > Short Sharp Shocked
Folkways > A Vision Shared (CBS)
Tracy Chapman (Elektra)


28 commenti:

Andrea ha detto...

E no...
Lascia pure fuori, se proprio devi, Rattle and hum, Green, Tender Prey, Viva Hate, Isn't anything, Surfer Rosa, Bug, Daydream Nation, Nothing's Shocking, Life's too good, Worker's playtime, Short sharp Shocked, People, Ghost stories, La pianta del te'...
Ma. Devi. Mettere.
FISHERMAN'S BLUES !!!!!
(Santo Cielo, Blue, cosa facevi alla fine degli anni '80? Il promotore finanziario?)

red ha detto...

@andrea: quello dei Waterboys?
Deve essere l'unico disco che ho comprato nell'88
Io non facevo il promotore finanziario ma ero in pausa di riflessione per quanto concerne la musica
Saranno vent'anni che non lo sento, urge recupero del vinile dal solaio della suocera

Blue Bottazzi ha detto...

e vedrai dal 1990 in avanti...
è a questo che servono i commenti, grazie.
Il disco dei Waterboys andrò ad ascoltarlo.

Blue Bottazzi ha detto...

Acquistato Fisherman's Blues. Un suono compatto, coerente, canzoni solide che vengono fuori negli ascolti, il fascino non banale del sound irlandese. Effettivamente molto bello. Solo la voce non è il massimo: non è il Dylan di Desire, non Steve Earle di Trascendental Blues, e nemmeno Shane McGowan (per citare qualche disco che Fisherman's Blues mi ha evocato). Ma voi ragazzi degli '80 non siete troppo pretenziosi in fatto di voci... ;-)

red ha detto...

Scusa il fuori tema.
Io ho sempre comprato i cd originali, perchè mi piace avere la collezione così
Ora però vorrei approfittare delle possibilità della rete per ampliare la mia discografia scaricando (in modo lecito) i file mp3
Mi date qualche indirizzo?
Ho trovato il sito musicmp3.ru che a parte la sede in Russia ha un catalogo sterminato di cd a un euro o poco più
Lo conoscete?
Quale altra alternativa?
Grazie

Blue Bottazzi ha detto...

Soprattutto iTunes; negli USA anche Amazon, in Italia non so se funziona.

Andrea ha detto...

Ho fatto conoscere un disco a Blue Bottazzi... che bbella la internèt...
Hai ragione sulle voci: d'altra parte per me è impossibile capire come puoi sentire tu la voce di Mike Scott, a me è entrata dentro nell'84quando avevo 17 anni, per cui quando è arrivato Fisherman's blues ho toccato il cielo d'Irlanda con un dito.

Anonimo ha detto...

Dagli scozzesi Waterboys passo agli esordienti irlandesi Hothouse Flowers di "People" (London) e all'inglesissimo Morrissey col suo eccellente debutto solista "Viva hate" (EMI), che rivaleggia per bellezza coi fasti degli Smiths.

alexdoc ha detto...

Per la cronaca, ero io l'ultimo "anonimo" di sopra. Ciao!

alexdoc ha detto...

Un altro britannico: Julian Cope - My nation underground (Island)

E un salto in Australia, forse nel momento in cui Nick Cave diventa veramente Nick Cave: Tender Prey (Mute)

alexdoc ha detto...

Back in England:

Talk Talk - Spirit of Eden (EMI)

Forse il vero capolavoro di una band da riscoprire. Un altro anno sottovalutato, in realtà da incorniciare.

alexdoc ha detto...

Capitolo "American Underground"

Thin White Rope - In the Spanish Cave (Frontier)
Feelies - Only life (Coyote)
Green River - Rehab doll (Sub Pop) (le origini dei futuri Pearl Jam)
Green On Red - Here comes the snakes (Rhino)
Giant Sand - The love songs (Homestead)

alexdoc ha detto...

Georgia Satellites - Open all night (Elektra)
Dream Syndicate - Ghost stories (Enigma)

alexdoc ha detto...

Chris Rea - New light through old windows (WEA)
Proclaimers - Sunshine on Leith (Chrysalis)

alexdoc ha detto...

k.d. lang - Shadowland (Sire)

alexdoc ha detto...

E due favolose rivelazioni in ambito "crossover rock"

Jane's Addiction - Nothing's shocking (WB)
Living Colour - Vivid (1988)

alexdoc ha detto...

Una mia fissa di quel periodo, sconosciuto quanto bravo

Tommy Conwell & the Young Rumblers - Rumble (CBS)

alexdoc ha detto...

Un esordio folgorante, nai più a questi livelli

Jeff Healey Band - See the light (Arista)

alexdoc ha detto...

Prefab Sprout - From Langley Park to Memphis (Kitchenware)

alexdoc ha detto...

Little Feat - Let it roll (WB)

alexdoc ha detto...

Alarm - Electric Folklore Live (IRS)

alexdoc ha detto...

Smiths - Rank (Rough Trade)
Tom Waits - Big Time (Island)
Joni Mitchell - Chalk mark in a rain storm (Geffen)
Danzig - Danzig (Def American)
Meat Puppets - Huevos (SST)

alexdoc ha detto...

Pixies - Surfer Rosa (4AD)
Iggy Pop - Instinct (A&M)
Robert Plant - Now and zen (Es Paranza)

alexdoc ha detto...

Steve Forbert - Streets of this town (Geffen)

alexdoc ha detto...

Melissa Etheridge - s/t (Island)
Tanita Tikaram - Ancient heart (Wea)

alexdoc ha detto...

Bruce Hornsby and the Range - Scenes from the Southside

Alex ha detto...

Silencers - A Blues for Buddha
Smithereens - Green thoughts

Alex ha detto...

Talking Heads - Naked